“Noi controlliamo la Materia perché controlliamo la Mente. La Realtà si trova nella scatola cranica” (George Orwell, “1984”)

Nel mondo realmente rovesciato Il Vero è un momento del Falso (Guy Debord, “La Società dello Spettacolo”)

“Il Genio del Male” è onnipresente da sempre nella nostra vita, potentemente vigile e sediziosamente subdolo.
Grazie alla sua raffinatezza strategica pervade ogni ambito dell’esistenza umana, sia a livello micro, inter-personale (all’interno dei rapporti lavorativi, affettivo-sentimentali, di amore, amicizia, ecc…), sia a livello macro, socio-culturale (in primis attraverso il bombardamento costante e quotidiano della comunicazione mediatica, per mezzo di tv e social).

Egli edifica immagini, pensieri, parole che contribuiscono alla creazione di quell’Immaginario Dominante Mondano chiamato Realtà.

“Il Genio del Male”, nell’odierna società tecno-spettacolare, porta a credere, come “deturnava” il profetico Guy Debord, che “il vero è un momento del falso”, rovesciando così la logica e la dialettica hegeliane nella loro possibile ricerca della verità.
Egli è un sapiente giocatore di poker, abilissimo a rimescolare le carte, è un sopraffino master degli scacchi, almeno dieci mosse avanti rispetto al suo avversario. Si insinua come serpe attraverso le pieghe della pelle e penetra nella carne e nell’anima dell’essere umano, deviando il suo autentico fluire e annebbiando la sua facoltà di intuire.

“Il Genio del Male” ha trasformato il Male da entità metafisica eterna a componente nichilisticamente banale, riducendo, appiattendo, desertificando la complessità, l’inesauribilità e la trascendenza dell’umano a mero dato quantitativo, calcolabile come qualsiasi altra cosa, cosa tra le cose, in chiave puramente funzionale ed utilitaristica.

Da qui l’indifferenza, l’apatia e il cinismo dilaganti. Da qui l’erosione del Senso del nostro stare al Mondo.  

“Il Genio del Male”, con la sua cappa oscura e mortifera, si manifesta in maniera particolarmente evidente in questo preciso momento di passaggio di paradigma a livello storico, culturale e persino antropologico, al culmine del cosiddetto “Kali Yuga”, operando con sottile astuzia e totale dedizione, affinchè l’essere umano possa perdere definitivamente il suo centro-cuore-fuoco-spirito, degenerando così, da una parte nella violenta bestialità degli impulsi ferini, dall’altra nella fredda razionalità dell’automa trans-umano.

Comprendere le sue tecniche, assumere consapevolezza delle sue strategie, prendere coscienza dei suoi giochi di prestigio, significa potersi anzitutto difendere da esso, uscendo così dalla sua sfera di Potere.

Inoltre, attraverso un processo interiore di trasmutazione, sarà possibile ri-attivare quel sentire profondo e quella inestinguibile connessione con la nostra essenza vitale, con il nostro Nous, con il nostro Daimon, in modo da guidare la nostra Anima sui suoi livelli vibrazionali più alti, uscendo dal nostro limitato Ego e ri-unendoci nuovamente alla primigenia fonte di Amore e di Essere.  


PROGRAMMA DEL CORSO

  • Simulare e Dissimulare tra Fantasia, Immaginazione e Immaginario
  • Bi-Pensiero e Doppi Legami tra Diabolico, Demonico e Demoniaco
  • La Narcisistica Triade Vittima-Carnefice-Salvatore 
  • Rane Bollite, Finestre di Overton, PRS (Problema, Reazione, Soluzione)
  • Libertà e Desiderio. Libertà dal Desiderio
  • Libertà e Paura. Libertà dalla Paura
  • I Sette Vizi Capitali e le Sette Virtù (Cardinali e Teologali)
  • Saggezza, Armonia, Trascendenza e Coscienza Cosmica

Conduce il corso
Loris Falconi, filosofo, counselor, ipnologo e ipnotista 
349.7412325 - lorisfalconi7@gmail.com
www.facebook.com/ipnofilosofia - www.lorisfalconi.com

 

Separatore



DATA:
Sabato 12 & Domenica 13 Dicembre (dalle 10:00 alle 18:30)

LUOGO:
Associazione Autentjca, via ca' gamba 9 Jesolo (VE)

CONTRIBUTO ASSOCIATIVO:
180 per le due giornate (145 prenotando entro il 13 Novembre)

INFO & PRENOTAZIONI
autentjca@gmail.com | 3358241691(whatsapp, sms, voce)